Comuni Ricicloni Puglia 2016

on . Postato in Rapporti 2016

Al via la raccolta dati per la IX Edizione di Comuni Ricicloni Puglia 2016

Comuni Ricicloni Puglia 2016

Legambiente ormai da oltre 20 anni promuove a livello nazionale il Rapporto “Comuni Ricicloni”, a cui aderiscono un numero sempre maggiore di Comuni, che vedono nell'iniziativa un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e più in generale il sistema integrato di gestione dei propri rifiuti.

L'iniziativa di Legambiente è finalizzata a premiare quelle Amministrazioni che non solo hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti, ma che negli ultimi mesi stanno avviando dei sistemi amministrativi innovativi: raccolte differenziate avviate a riciclo, ma anche acquisti di beni, opere e servizi che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.

Comuni Ricicloni Puglia 2015

on . Postato in Rapporti 2015

Al via la raccolta dati per la VIII Edizione di Comuni Ricicloni Puglia 2015

Comuni Ricicloni Puglia 2015

Legambiente ormai da oltre 20 anni promuove a livello nazionale il Rapporto “Comuni Ricicloni”, a cui aderiscono un numero sempre maggiore di Comuni, che vedono nell'iniziativa un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e più in generale il sistema integrato di gestione dei propri rifiuti. 

L'iniziativa di Legambiente è finalizzata a premiare quelle Amministrazioni che non solo hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti, ma che negli ultimi mesi stanno avviando dei sistemi amministrativi innovativi: raccolte differenziate avviate a riciclo, ma anche acquisti di beni, opere e servizi che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata. 

Verso un efficiente uso delle risorse. Presentazione dossier

on . Postato in Rapporti 2014

Rifiuti, l'Italia del riutilizzo: verso un uso efficiente delle risorse

L'Italia del riutilizzo

Dibattito aperto tra esponenti del mondo delle istituzioni, dell’associazionismo, delle aziende di igiene ambientale, operatori del settore, tecnici ambientali. Presentazione del V Rapporto Nazionale sul Riutilizzo.

Comuni Ricicloni Puglia 2014

on . Postato in Rapporti 2014

Al via la raccolta dati per la VII Edizione di Comuni Ricicloni Puglia 2014

Comuni Ricicloni Puglia 2014

Legambiente ormai da oltre 20 anni promuove a livello nazionale il Rapporto “Comuni Ricicloni”, a cui aderiscono un numero sempre maggiore di Comuni, che vedono nell'iniziativa un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e più in generale il sistema integrato di gestione dei propri rifiuti. 

"Comuni Ricicloni" vuole premiare quelle Amministrazioni che non solo hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti, ma che negli ultimi mesi stanno avviando dei sistemi amministrativi innovativi: raccolte differenziate avviate a riciclo, ma anche acquisti di beni, opere e servizi che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata. 

Puliamo il Mondo 2014

on . Postato in Campagne 2014

Dal 26 al 28 settembre torna l’appuntamento con Puliamo il mondo, la più famosa iniziativa di volontariato ambientale organizzata da Legambiente in collaborazione con la Rai
Tante le iniziative in Italia per diventare protagonisti della bellezza del Paese, combattere il degrado e liberare strade e aree verdi dai rifiuti
Luogo simbolo di questa 22esima edizione sarà Milano, unica grande città che supera il 50% di raccolta differenziata. Tanti gli esempi di comuni virtuosi: molte delle migliori esperienze sul riciclaggio arrivano dal sud Italia come Salerno, Andria e Cosenza

Puliamo il Mondo 2014

Bellezza e partecipazione sono il binomio vincente di Puliamo il mondo, la più grande iniziativa di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente in collaborazione con la Rai. Da una parte la bellezza dell’Italia, un dei Paesi più amati e visitati al mondo spesso sfregiato dall’incuria e dai rifiuti; dall’altra l’impegno attivo di tanti cittadini che vogliono rendere più belle e vivibili le città della Penisola. Quest’anno l’appuntamento con Puliamo il mondo sarà per il 26, 27 e 28 settembre: tre giorni duranti i quali migliaia di volontari, tra cittadini, scuole e amministrazioni, saranno impegnati nel ripulire le aree degradate del Paese e fare un gesto concreto a favore dell’ambiente. Luogo simbolo di questa ventiduesima edizione sarà Milano, che ospiterà l’Expo2015 ed l’unica grande città italiana che supera la soglia del 50% di raccolta differenziata. Con oltre un milione di abitanti serviti dal porta a porta, il capoluogo lombardo è la prima città in Italia e la seconda in Europa tra le città sopra il milione di abitanti dopo Vienna. Un risultato importante frutto di un lavoro e un’esperienza virtuosa da replicare anche in tanti altri comuni italiani. Molti sono già sulla buona strada: in Italia sono infatti 1.328 i comuni campioni nella raccolta differenziata dei rifiuti, il 16% dei municipi d’Italia per un totale di 7,8 milioni di cittadini che hanno detto addio al cassonetto e che differenziano i rifiuti alimentando così l’industria del riciclo e la Green Economy. Oltre a Milano, luoghi simbolo di questa edizione 2014 saranno anche Roma Napoli, dove invece la questione rifiuti è più complessa e dove ci sono diverse emergenze da affrontare. Da queste tre città Puliamo il Mondo lancerà il suo messaggio: i rifiuti devono essere visti come un’opportunità nazionale e non come una vergogna. Un messaggio che sarà condiviso da tanti altri comuni che il 26, 27 e 28 settembre parteciperanno alla campagna di Legambiente: da Torino a Venezia, da Massa Carrara a Chieti per arrivare a Potenza.

L’iniziativa è stata presentata oggi a Roma nel corso di una conferenza stampa nella sede Rai di Viale Mazzini, che ha visto la partecipazione di Rossella Muroni, direttrice generale di Legambiente, Ermete Realaccipresidente della Commissione Ambiente della Camera dei Deputati e presidente onorario di Legambiente, Vicenzo Morgante, Direttore della testata giornalistica Regionale della Rai e Beppe Rovera, conduttore di Ambiente Italia, il programma in onda su Rai 3 che seguirà la settimana di avvicinamento al week-end di volontariato ambientale con una serie di servizi.Nell’occasione questa mattina è stato presentato anche il nuovo originale spot della campagna realizzato dalla Rai.

Illumina il riciclo

on . Postato in Campagne informative

Lampadine esauste, dove le butto?
Come e dove smaltire le lampadine usate e soprattutto perchè non gettarle mai nel cassonetto insieme agli altri rifiuti, ve lo raccontiamo il 12 e il 13 aprile nelle iniziative di "Illumina il riciclo"

illumina il riciclo

Dove buttare le lampade a basso consumo esauste? Per quale motivo è necessario raccoglierle separatamente? Sono pericolose per l'ambiente? Sabato 12 e domenica 13 aprile, in 20 centri della distribuzione organizzata, i volontari di Legambiente in collaborazione con il Consorzio Ecolamp, saranno a disposizione dei cittadini per fornire le corrette risposte a queste domande e ad altri quesiti relativi alla modalità di raccolta e riciclo delle lampadine a basso consumo. L'iniziativa si chiama "Illumina il riciclo", giunta alla terza edizione, è stata pensata per contribuire alla diffusione di comportamenti eco-compatibili, in particolare sul corretto smaltimento delle sorgenti luminose a basso consumo: contengono componenti tossici ma possono essere riciclati fino al 95%. E' importante quindi per la salute dell'ambiente ed evitare sprechi, non gettare le lampadine insieme agli altri rifiuti. 

Venite a trovarci, abbiamo una piccola sorpresa per voi e una guida sui servizi offerti da Ecolamp.

Da luce nasce... il cartoon Ecolamp (1 contro 1 - Parte 2)

Tares, lettera aperta delle Associazioni al Ministro Saccomanni

on . Postato in Articoli correlati

Con una petizione largamente condivisa sul web abbiamo chiesto al Governo di rivedere la nuova tassa sui rifiuti, la Tares. 

italia rifiuti freeNella versione attuale l'imposta, parte delle norme in discussione per traghettare il Paese fuori dalla crisi, rischia di essere un nuovo pesante aggravio per tutte le utenze che producono rifiuti, non prevede alcun principio di premialità per i comportamenti virtuosi, non  segue il principio europeo logico ed equo chi inquina paga, chi produce meno rifiuti deve risparmiare.In queste settimane questa ed altre importanti norme anticrisi verranno approvate, la discussione in parlamento si è concentrata molto sulla modifica dell’imposta sulla casa e poco sulla Tares. Siamo preoccupati che la legge possa quindi passare così com'è. Un ennesimo sacrificio per gli italiani, inutile perchè non introdurrebbe nessun elemento innovativo per  una migliore gestione dei rifiuti. Per questo insieme alle associazioni di produttori Confapi, Aiab, Cia, Coldiretti, Confagricoltura, abbiamo ribadito e puntualizzato in una lettera aperta le nostre richieste al ministro dell’economia e delle finanze Fabrizio Saccomanni.

Puliamo il Mondo 2013 con "Epic"

on . Postato in Campagne 2013

Dal 27 al 29 settembre l’appuntamento con la più famosa iniziativa di volontariato ambientale in Italia, che vedrà migliaia di volontari pronti per azioni concrete ed efficaci a favore dell’ambiente. “Diventa protagonista” è la novità di questa XXI edizione: sul sito www.puliamoilmondo.it ci si può candidare per organizzare un’iniziativa nella propria città. Quest’anno anche i personaggi di Epic partecipano a Puliamo il Mondo 2013, in occasione dell’uscita del film dal 5 settembre in Blu-ray 3D, Blu-ray, DVD e Digital HDTM

 

puliamo il mondo 2013  con EpicIl protagonista sei tu. Anche quest’anno Puliamo il Mondo, la più famosa iniziativa di volontariato ambientale organizzata in Italia da Legambiente, invita tutti il 27, 28, 29 settembre ad essere dei protagonisti green, pronti a prendersi cura del Pianeta con azioni concrete a favore dell’ambiente, proprio come i personaggidel celebre film d’animazione “Epic”, che lottano e si impegnano per salvare il mondo e il suo patrimonio verde.

Per questo motivo Puliamo il Mondo 2013 stringe amicizia con 20th Century Fox Home Entertainment ed “Epic”, una divertentissima favola ecologista per tutta la famiglia che permette al pubblico di immergersi in un universo incantato in cui la legge suprema è la tutela della natura e delle creature che la abitano, in uscita in Blu-ray, DVD e Digital HDTMdal 5 settembre.

Legambiente e Federambiente insieme per il Premio nazionale sulla prevenzione dei rifiuti

on . Postato in Iniziative

Per partecipare c’è tempo fino al 30 settembre 2013 

premio nazionale prevenzione rifiutiLa gestione sostenibile dei rifiuti comincia dalla fase prioritaria della prevenzione, come prevedono le norme europee e nazionali. Gestire correttamente i rifiuti vuol dire quindi intervenire a monte, sulle fasi di produzione, distribuzione e consumo dei beni. È questo il messaggio che Legambiente e Federambiente lanciano insieme con la prima edizione del Premio nazionale sulla prevenzione dei rifiuti. Obiettivo del Premio è quello di individuare, promuovere e diffondere le buone pratiche nazionali, valorizzando le esperienze più rilevanti e innovative e stimolando un’ampia riflessione sul tema che accompagni anche il percorso d’adozione del Programma nazionale di prevenzione dei rifiuti previsto dalla Direttiva 98/2008/CE. Il concorso è rivolto ad amministrazioni ed enti pubblici e privati, aziende, imprese, istituti scolastici, cooperative e associazioni che abbiano realizzato sul territorio nazionale iniziative di prevenzione dei rifiuti attualmente ancora in corso o concluse di recente (non prima del 1 gennaio 2013). La partecipazione al premio è gratuita.

Legambiente con Ecolamp a Barletta per il Forum Ambientale

on . Postato in Collaborazioni

Dal 25 al 27 luglio Legambiente ospiterà all'interno del suo stand il Consorzio per la raccolta e lo smaltimanto delle lampadine a basso consumo, nell'ambito della rassegna dedicata alla sensibilizzazione ambientale.

legambiente e ecolamp al green batLegambiente ed Ecolamp partecipano insieme al Forum Ambientale organizzato dalla Provincia di Barletta – Andria – Trani, in programma dal 25 al 27 luglio nelle tre città pugliesi. Una rassegna dedicata alla sensibilizzazione e informazione di cittadini, amministratori e professionisti che vede coinvolte Istituzioni locali, rappresentanze di categoria, consorzi di raccolta e associazioni ambientaliste sui temi dell’Energia, dei Rifiuti e delle Acque.

La già consolidata collaborazione tra Legambiente Ecolamp prosegue quindi in Puglia per dare spazio, fra gli altri, ai temi della raccolta e dello smaltimento delle lampadine a basso consumo. Una occasione per la sensibilizzazione dei cittadini e dei professionisti della zona con l’obiettivo concreto di incrementare ulteriormente il riciclo delle sorgenti luminose, che già in Puglia registra numeri molto soddisfacenti. Ecolamp ha infatti appena reso noti i dati di raccolta del consorzio nel primo semestre 2013: oltre 27,5 tonnellate di lampadine esauste raccolte nell’intera regione, 12 delle quali derivanti dal contributo dei cittadini privati che si sono recati presso le Isole Ecologiche Comunali e 15 tonnellate recuperate grazie ai servizi volontari messi a punto dal Consorzio e dedicati ai professionisti (Extralamp, Collection Point e Grandi Centri). Segnale estremamente positivo l’incremento osservato rispetto al primo semestre dell’anno precedente: la Puglia registra una crescita del 50 per cento (18.430 kg nel primo semestre 2012) e, in particolare, la provincia di Andria – Barletta – Trani passa dai 1.387 ai 3.670 kg di lampadine esauste conferite ad Ecolamp.
Legambiente ospiterà Ecolamp all'interno del suo stand situato presso il “Villaggio”, lo spazio espositivo permanente nei giardini del Castello di Barletta. Volantini e brochure informativi saranno distribuiti ai visitatori, che verranno piacevolmente intrattenuti dai video di Ecolamp proiettati sullo schermo dello stand.

Cos'è Ecolamp

Petizione popolare "Chi inquina paga, chi produce meno rifiuti deve risparmiare"

on . Postato in Iniziative

Rifiuti, rivedere la Tares. La tassazione a carico di famiglie e aziende deve essere equa e premiare i comportamenti virtuosi

petizione italia rifiuti freeE’ iniziata la raccolta firme per la petizione popolare "Chi inquina paga, chi produce meno rifiuti deve risparmiare" promossa da Legambiente nell'ambito della sua campagna Italia rifiuti free.  

Chi produce meno rifiuti dovrebbe essere premiato, mentre la Tares, la nuova tassa sui rifiuti rischia, al contrario, di aggravare ulteriormente il peso fiscale sugli italiani in maniera ingiusta. La petizione - indirizzata al presidente del consiglio dei ministri Enrico Letta e ai ministri dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Andrea Orlando e dell'economia e delle finanze Fabrizio Saccomanni - chiede al governo di rivedere questo tributo in maniera tale da rispettare il principio europeo "chi inquina paga", calcolandolo solo sulla effettiva produzione di rifiuti indifferenziati e consentendo così alle utenze più virtuose di pagare di meno. 

Italia rifiuti free

on . Postato in Articoli correlati

italia rifiuti freeSono trascorsi 16 anni dall’approvazione del decreto Ronchi e diverse cose sono cambiate. La rivoluzione della gestione sostenibile dei rifiuti ha preso il via, e ha cambiato gli stili di vita di tanti cittadini (è il caso dello stop ai sacchetti di plastica non compostabile), ha raggiunto territori considerati persi (come nel centro sud dove sono diversi i Comuni ricicloni), ha permesso lo sviluppo di esperienze industriali del riciclo, uno dei pilastri della nostra green economy.

Comuni Ricicloni Puglia 2013

on . Postato in Rapporti 2013

comuni ricicloni 2013Legambiente ormai da 20 anni promuove a livello nazionale il Rapporto “Comuni Ricicloni”, a cui aderiscono un numero sempre maggiore di Comuni, che vedono nella nostra iniziativa un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata, e più in generale il sistema integrato di gestione dei propri rifiuti. 

Pubblicato il Rapporto RAEE 2012, la crisi economica determina il calo della raccolta

on . Postato in Articoli correlati

È stato presentato a Milano il Rapporto Annuale 2012 sul Sistema di Ritiro e Trattamento dei Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche in Italia, realizzato dal Centro di Coordinamento RAEE. Il sistema nazionale di gestione dei RAEE, dopo sei anni dalla sua istituzione, si rivela sempre più efficiente grazie all’aumento delle strutture di raccolta che risultano essere distribuite in modo capillare in tutta Italia. I Centri di Conferimento passano da 3.511 a 3.767, più 9% rispetto al 2011, e comprendono i Centri di Raccolta Comunali (3.672) e i Luoghi di Raggruppamento (95) allestiti e gestiti dalla Distribuzione e serviti direttamente dai Sistemi Collettivi, come previsto dal D.M. 2010 n. 65 relativo alla raccolta “uno contro uno”.

Di seguito il link per il nuovo rapporto RAEE 2012: rifiuti il rapporto 2012 del raee

Miniguida per smaltire correttamente i tuoi rifiuti elettronici

on . Postato in Articoli correlati

Dalla collaborazione tra Legambiente e ReMedia nasce la miniguida per il corretto smaltimento dei RAEE (Rifiuti di Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche)

remedia-legambienteI rifiuti elettronici stanno aumentando sempre di più. Il rapido miglioramento della tecnologia ci spinge a sostituire, anche troppo frequentemente, tanti apparecchi come pc, cellulari, elettrodomestici con modelli nuovi sempre più performanti. E quelli vecchi? Spesso non sappiamo che farne, li accumuliamo in casa, li buttiamo nei cassonetti della raccolta indifferenziata o peggio li abbandoniamo in strada.

Puliamo il Mondo

on . Postato in Campagne

puliamo il mondo Puliamo il Mondo è l'edizione italiana di Clean up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo.

Dal 1993, Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia ed è presente su tutto il territorio nazionale grazie all’instancabile lavoro di oltre 1000 gruppi di "volontari dell'ambiente", che organizzano l'iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, aziende, comitati e amministrazioni cittadine. 

Le origini: Clean up the World 

Puliamo il Mondo è conosciuta a livello internazionale come Clean Up the World, una delle maggiori campagne di volontariato ambientale nel mondo. Con questa iniziativa vengono liberate dai rifiuti e dall'incuria i parchi, i giardini, le strade, le piazze, i fiumi e le spiagge di molte città del mondo. 

La campagna ha avuto origine dalla collaborazione tra Clean Up Australia e l'UNEP (United Nations Enviroment Programme), legate dal comune obiettivo di estendere su scala globale quanto proposto dall'iniziativa Clean Up Sydney Harbour Day, realizzata in Australia nel 1989.

Comuni Ricicloni

on . Postato in Rapporti

comuni ricicloniCon Comuni Ricicloni Legambiente premia annualmente dal 1994 le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolta differenziata, gestione dei rifiuti urbani, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata. Un importante momento di verifica e di comunicazione degli sforzi compiuti per avviare e consolidare la raccolta differenziata e un sistema integrato di gestione dei rifiuti.

Rifiuti

on . Postato in Rifiuti

rifiutiE’ un rifiuto qualsiasi materiale derivato da una attività umana e destinato all’abbandono o alla distruzione. I rifiuti sono classificati come urbani o speciali, a seconda della loro origine, e pericolosi o non pericolosi, a seconda delle loro caratteristiche. Gli scarti domestici, anche quelli ingombranti, l’immondizia, gli scarti vegetali provenienti da giardini e parchi: sono questi i rifiuti urbani. Quelli speciali, invece, derivano da lavorazioni industriali, da attività commerciali, dal recupero e smaltimento di rifiuti urbani; sono fanghi prodotti da trattamenti e dalla depurazione delle acque reflue, le sostanze e gli oggetti di risulta dell’attività sanitaria e le apparecchiature dei veicoli a motore. I rifiuti pericolosi, urbani o speciali, sono tutti quelli che contengono al loro interno dosi elevate di sostanze pericolose: come i medicinali scaduti o le pile esauste (rifiuti urbani) o gli scarti della raffinazione del petrolio, dell’industria chimica, metallurgica, conciaria e tessile (speciali) e che quindi devono essere gestiti con procedure specifiche.

La produzione e la gestione dei rifiuti negli ultimi decenni ha mostrato una crescita tale - dalla metà degli anni ‘90 quella italiana è quasi raddoppiata - da farne uno dei problemi più urgenti per il futuro del pianeta. Oggi, infatti, la maggior parte finisce in discarica o viene incenerita. Mentre le opzioni più efficienti restano residuali: il riuso, la raccolta differenziata e il riciclo dei rifiuti, insieme alla riduzione in fase di produzione, sono invece i pilastri di una gestione integrata (la strategia delle “4R”) capace di dare una soluzione di lungo termine al problema, consentendo di risparmiare materie prime e ridurre l’uso delle discarica, e quindi anche lo sfruttamento e l’inquinamento del suolo.