Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Il Circolo Legambiente di Molfetta presenta il primo confronto tra i candidati sindaci di Molfetta

on . Postato in Contributi dai Circoli

Quattro passi nel futuro: economia, ambiente e felicità. Confronto tra i candidati sindaci di Molfetta 

Lunedì 20 maggio alle ore 19.30 in piazza Municipio (Fabbrica San Domenico in caso di pioggia), avrà luogo il primo confronto tra i candidati alla carica di Sindaco di Molfetta.
Partecipano: Piano Amato, Ninnì Camporeale, Bepi Maralfa, Paola Natalicchio, Gianni Porta.
Coordina: Antonello Mastantuoni, Circolo Legambiente di Molfetta

 

Elezioni-2013-MolfettaSi può essere pessimisti o ottimisti guardando al futuro.
Ci sono ragioni buone per giustificare entrambi gli atteggiamenti: si può essere preoccupati per il cambiamento climatico che in poche decine di anni sposterà di centinaia di chilometri verso nord l’area adatta alla coltivazione delle specie mediterranee come la vite o l’ulivo, comporterà l’innalzamento significativo del livello del mare e comporterà un forte aumento dei fenomeni meteorologici estremi; può spaventare la prospettiva dell’esaurimento delle risorse che farà esplodere nei prossimi anni il prezzo dei combustibili e determinerà l’assalto delle trivelle a quel po’ di incontaminato che ancora esiste sul pianeta (cominciando dalle isole Tremiti); ci si può interrogare con sgomento su quello che comporterà l’esplosione demografica in Africa e il contemporaneo calo della popolazione in Italia.
Oppure si può confidare nella scienza e nelle nuove tecnologie. La diffusione di tablet e palmari renderà sempre meno diffuso l’uso della carta e degli inchiostri di stampa e porterà alla scomparsa dei tir e dei furgoni che quotidianamente distribuiscono quotidiani e riviste in tutto il paese. La smaterializzazione delle produzioni grazie ai nuovi materiali e alle stampanti 3D si estenderà progressivamente a tutti i settori produttivi rivoluzionando la produzione materiale di beni e soprattutto la loro distribuzione: niente più produzione di massa e container che attraversano gli oceani, solo piccole produzioni specializzate e locali. Celle solari sempre più economiche ed efficienti contrasteranno con efficacia il costo crescente del petrolio; le nanotecnologie permetteranno di
produrre dissalatori efficientissimi capaci di darci tutta l’acqua potabile di cui abbiamo bisogno e le nuove biotecnologie promettono di poter rendere fertile persino il Sahara.
Pessimisti o ottimisti quello che non possiamo permetterci di fare è ignorare le dimensioni di un cambiamento che è già qui, che già ci troviamo ad affrontare. Non è forse compito di chi si trova a guidare una comunità quello di tracciare rotte, di proporre obiettivi, di indicare traguardi? Trovare soluzioni per ridurre possibili problemi o per massimizzare gli eventuali vantaggi che potranno venire dai mutamenti?
Il confronto fra i candidati sindaco che il circolo Legambiente di Molfetta ha promosso ha lo scopo di invitare la città a guardare un po’ più lontano di quanto i tempi della politica spingano ormai a fare. E a chiedersi da cosa questi tempi siano determinati.
È paradossale come la nostra civiltà così voracemente rivolta al futuro al punto da aver fatto dell’innovazione una sorta di dio azteco, in nome del quale tutto vada sacrificato, investa in esso così poco: i nostri antenati che diedero inizio alla costruzione del Duomo sapevano che non l’avrebbero visto finito; e i nostri nonni piantavano ulivi sapendo che a raccoglierne i frutti sarebbero stati i loro nipoti. Il massimo orizzonte temporale verso il quale la politica oggi spinge lo sguardo è la durata della legislatura.
Ma non solo: sono anche spariti i luoghi nei quali discutere pubblicamente di futuro, che è come dire del senso delle nostre esistenze, del perché viviamo e del perché siamo comunità.
L’auspicio è che il dibattito possa contribuire a far riscoprire ai molfettesi il bisogno di uno sguardo di comunità, in cui le differenze fra le forze politiche appaiano in tutte le loro dimensioni per poter arrivare a scelte, se non condivise, almeno consapevoli e trasparenti.


Legambiente Circolo di Molfetta – www.legambientemolfetta.it – 347.8544583