Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Legambiente: rivedere normativa nazionale su Valutazione del Danno Sanitario

on .

Fortissima la preoccupazione: gli interventi per l’A.I.A. sono fermi, il Piano Ambientale resta “lettera morta”, il Governo intervenga con urgenza

 

Ilva - Tamburi

I dati aggiornati dello studio epidemiologico Sentieri non costituiscono, purtroppo, una sorpresa. Così come la conferma fornita dall'Istituto Superiore di Sanità,  di eccessi di rischi per le patologie per le quali è verosimile presupporre un contributo dalle contaminazioni ambientali.

A fronte della loro pubblicazione, dichiarano Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, e Lunetta Franco, presidente di Legambiente Taranto,  ribadiamo cheper Ilva la Valutazione del Danno Sanitario va fatta secondo i criteri della legge Regionale pugliese, più restrittivi rispetto alle “maglie larghe” della normativa nazionale e chiediamo al Governo di intervenire con urgenza per reperire le risorse necessarie ad attuare il Piano Ambientale.

Torniamo  a denunciare la drammatica beffa, per Taranto e non solo, costituita dal decreto interministeriale sulla Valutazione del Danno Sanitario approvato il 23   agosto 2013 che indica criteri (fortemente contestati sulla rivista Epidemiologia e Prevenzione in un saggio degli studiosi  Bianchi - Forastiere – Terracini) che consentono una valutazione delle ricadute sulla salute solo ad AIA completamente attuata.

Nella legge regionale pugliese è previsto invece che la sia fatta anche sulla base di proiezioni dei risultati attesi sulla salutedall'attuazione di determinate misure di protezione ambientale, proiezioni effettuate con metodiche largamente utilizzate a livello internazionale in paesi come gli USA, per esempio.

Nonostante la Valutazione del Danno Sanitario effettuata da ARPA PUGLIA ci abbia consegnato un quadro ad AIA attuata non ancora accettabile per la salute dei cittadini, non sarà comunque possibile per la Regione Puglia (e in generale per le Regioni interessate da impianti di interesse strategico nazionale) chiedere la riapertura dell'AIA prima del 2016 e cioè solo dopo aver contato eventuali altri morti e malati a causa dell'inquinamento prodotto dagli impianti.

Torniamo perciò a chiedere  che si introducano norme che modifichino quel decreto interministeriale adottando i criteri formulati in materia dalla Regione Puglia.

L’angoscia per la drammatica situazione sanitaria di Taranto, concludono Tarantini e Franco;  confermata dall’aggiornamento dello stiudio Sentieri, si unisce, d’altro canto, ad una fortissima preoccupazione: gli interventi previsti dall’A.I.A., a causa della crisi finanziaria che colpisce l’Ilva, sono fermi. Il mandato al subcommissario Edo Ronchi è scaduto e non è stato rinnovato. Si continuano ad accumulare ritardi  su ritardi e il Piano Ambientale resta lettera morta.

Chiediamo che  per realizzare il Piano Ambientale si rendano immediatamente disponibili, anche attraverso decretazione d’urgenza,  i fondi sequestrati dalla procura di Milano.

Non si continui a prendere, e  perdere,  ancora altro tempo: risanamento ambientale, rispetto delle prescrizioni dell’Aia, innovazione tecnologica del processo produttivo sono condizione imprescindibile affinché  l’impianto siderurgico possa continuare a produrre