Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Ilva di Taranto - Legambiente Puglia scrive al Ministro Orlando

on .

«Ci auguriamo che semplificazioni e riduzioni dei tempi non comportino stravolgimenti degli organi preposti alla verifica e alla approvazione dei singoli interventi e, più in generale, la possibilità di un loro esame approfondito»

 

ilva

A proposito dell’ennesimo decreto Ilva - volto a semplificare le procedure e a ridurre i tempi  previsti per l’esame dei concreti interventi necessari alla piena attuazione dell’A.I.A., oltre che a rendere utilizzabili i beni sequestrati alla famiglia Riva per la gestione commissariale dell’Ilva, ai fini dell’attuazione dell’A.I.A. stessa - Legambiente precisa che, se da un lato queste esigenze sono senz’altro condivisibili, non si può contemporaneamente non essere preoccupati per la necessità di perseguirle attraverso l’adozione di un ennesimo decreto.

«Valuteremo con molta attenzione – dichiarano Francesco Tarantini e Lunetta Franco, rispettivamente presidente di Legambiente Puglia e presidente del Circolo Legambiente di Taranto – il contenuto delle norme che il Governo adotterà. Riteniamo che semplificazioni e riduzioni dei tempi non debbano comportare stravolgimenti degli organi preposti alla verifica e alla approvazione dei singoli interventi e, più in generale, la possibilità di un loro esame approfondito. 

Legambiente sottolinea la necessità di procedere in modo improcrastinabile alla adozione del Piano delle misure e delle attività di tutela ambientale e sanitaria, previsto dalla Legge 89/2013, che contempla le azioni e i tempi necessari per garantire il rispetto delle prescrizioni di legge e dell'A.I.A.

Lo schema del Piano è stato reso pubblico l’11 ottobre 2013, circa un mese dopo la scadenza, indicata dalla stessa legge 89, per la sua predisposizione e proposta al Ministro dell’Ambiente, (entro sessanta giorni dalla nomina). Legambiente ha proposto le proprie Osservazioni al Piano (debitamente prese in consegna) l’11 novembre.

«La Legge 3 agosto 2013 n. 89 prevede che dette Osservazioni, insieme alle altre pervenute al Commissario Ilva, siano valutate  dal  comitato dei tre esperti, nominati dal Ministro, ai  fini della definitiva proposta entro il termine di centoventi giorni dalla nomina del medesimo comitato – precisano Tarantini e Franco – I centoventi giorni indicati dalla legge sono scaduti e la proposta definitiva del comitato degli esperti non è stata resa ancora nota. Pur considerando il ritardo conseguente alla pubblicizzazione solo in data 11 ottobre dello schema del Piano, riteniamo che, decorse ormai tre settimane dalla scadenza del termine previsto per l’invio delle Osservazioni, sia necessario procedere con urgenza alla presentazione della versione definitiva del Piano stesso, che speriamo, accolga le Osservazioni da noi presentate».

Dalla data di presentazione decorrono i quindici giorni entro i quali  il Piano,  che  equivale  a modifica dell'A.I.A. - limitatamente alla modulazione dei tempi di attuazione delle relative prescrizioni - andrà poi approvato con decreto del Ministro dell'ambiente, sentita la Regione Puglia.

Solo dopo il decreto, scatterà il termine di ulteriori trenta giorni entro cui il Commissario straordinario dovrà predisporre il piano industriale che consenta la continuazione dell'attività produttiva nel rispetto delle prescrizioni di tutela ambientale, sanitaria e di sicurezza contenute nel Piano stesso. Dalla sua presentazione, la legge 89 assegna al Ministro dello Sviluppo Economico ulteriori quindici giorni per l’adozione.

È evidente che la presenza di tante scansioni temporali porta inevitabilmente ad accumulare i ritardi che ogni fase eventualmente comporti.

L’ufficio stampa: 347.6645685