• AREA STAMPA
  • Comunicati
  • Treno Verde 2018 a Foggia

Treno Verde 2018 a Foggia

Treno Verde 2018 a Foggia

A bordo del Treno Verde presentato il rapporto

Comuni Rinnovabili, numeri e storie della diffusione delle energie rinnovabili in Puglia

 Legambiente a Foggia premia “I RinnovABILI”, le realtà regionali che hanno scommesso su nuovi modelli energetici attraverso rinnovabili ed efficienza

Legambiente: “ La Puglia contribuisce non poco a un futuro 100% rinnovabile, sia in termini di potenza installata che di energia prodotta. Occorre tuttavia un piano di riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico e privato, oltre all’avvio di serie politiche di mobilità sostenibile al fine di favorire lo sviluppo di un nuovo sistema energetico che porti vantaggi diretti alle famiglie”

Galleria fotografica disponibile a questo link: http://bit.ly/FotoTV2018

Il dossier completo Comuni Rinnovabili Puglia a questo link:
http://www.trenoverde.it/wp-content/uploads/2018/02/ComuniRinnovabili-Puglia.pdf

 

La Puglia si conferma regina delle fonti rinnovabili. Il 100% dei Comuni pugliesi possiede sul proprio territorio almeno un impianto da fonte rinnovabile. In questa regione la crescita di tali tecnologie è stata inesorabile negli ultimi anni sia per la potenza installata che per la produzione di energia. Dal 2010 al 2016 si è passati da 1,9 GW a 5,4 GW di potenza installata da fonti rinnovabili, con un complessivo +173,3%. Escludendo il grande idroelettrico, sono 141 i Comuni che grazie alle fonti rinnovabili producono più energia elettrica di quella consumata dalle famiglie. Grazie agli oltre 43mila impianti da fonti rinnovabili diffusi in tutti i comuni, vengono prodotti quasi 10mila GWh/anno, pari al 59,5% sui consumi elettrici totali regionali, ovvero il fabbisogno di circa 3.700.000 famiglie. Tale percentuale è nettamente superiore al dato nazionale che si attesta al 2016 al 32,3%.

La maggior potenza da fonti rinnovabili installata è presente nella provincia di Foggia con 2.459 MW complessivi, seguita da Lecce (778 MW), Bari (755 MW) e Barletta-Andria-Trani con 283 MW. In termini di produzione di energia è sempre la provincia di Foggia (4.638 GWh/anno) a fornire il maggior contributo da fonti rinnovabili, con l’eolico a giocare il ruolo da protagonista con 3.924 GWh/anno, seguita da Bari con 2.092 GWh/anno e Lecce con 1.097 GWh/anno.

Questo in sintesi il quadro che emerge dall’edizione regionale del rapporto Comuni Rinnovabili di Legambiente, realizzato grazie al contributo di Enel Greenpower, che da 12 anni fotografa lo sviluppo delle fonti rinnovabili nei territori italiani, presentato questa mattina a bordo del Treno Verde, il convoglio ambientalista di Legambiente e del Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, realizzato con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e Tutela del Territorio e del Mare, che è arrivato oggi a Foggia (dove sarà in sosta fino a domani al binario 1 della stazione centrale).

Un percorso in 12 città italiane per chiedere all’Europa obiettivi più stringenti e sfidanti nel Pacchetto Energia e Clima 2030, ancora in fase di discussione, e all’Italia di svolgere un ruolo da leader sul clima, con politiche più ambiziose, per dare maggiore concretezza e solidità al cambiamento già in atto per traghettare il nostro Paese verso la totale decarbonizzazione del proprio sistema energetico. Il Treno Verde, inoltre, in ciascuna delle sue tappe, in occasione della proclamazione da parte dei Ministeri delle Politiche agricole alimentari e forestali e dei Beni culturali e del turismo del 2018 Anno nazionale del cibo italiano, ospita a bordo degustazioni di cibi prodotti con l’uso di energia 100% rinnovabile autoprodotta.

All’inaugurazione della tappa pugliese del Treno verde e alla presentazione di Comuni Rinnovabili Puglia hanno preso parte Katiuscia Eroe, responsabile energia Legambiente, Francesco Tarantini, presidente Legambiente Puglia, Francesca Pirrelli, Procuratore Aggiunto della Repubblica di Foggia con delega all'ambiente,Franco Landella, sindaco del Comune di Foggia, Raffaele Piemontese, Assessore alla Qualità dell’Ambiente Regione Puglia, Fabio Porreca, presidente Camera di Commercio di Foggia, e Angelo di Giovine, referente Affari Istituzionali Puglia e Basilicata Enel Italia.

“Per lo sviluppo delle energie rinnovabili e dell’efficienza energetica, coerente con la Strategia Energetica Nazionale e con l’accordo di Parigi, è necessario un piano in grado di far raggiungere a ciascuna regione obiettivi ambiziosi al 2030 e la decarbonizzazione al 2050 - spiega Katiuscia Eroe, responsabile energia di Legambiente - Un piano che faccia dell’adattamento e della mitigazione ai cambiamenti climatici, una strategia di sviluppo economico e sociale per i territori, in grado di valorizzare le risorse e le bellezze regionali. In questi anni le fonti rinnovabili hanno non solo superato il 32% del fabbisogno elettrico nazionale, ma grazie al milione di impianti di tutte le taglie e distribuite su tutto il territorio italiano, hanno rivoluzionato il sistema energetico del nostro Paese. Già dal 2015, infatti, il 100% dei Comuni italiani possiede almeno un impianto da fonte rinnovabile. Affinché si possa avviare quella transizione energetica verso un modello democratico e sostenibile è necessario poi promuovere un ruolo attivo dei cittadini ma anche delle piccole imprese incentivando tutte le forme di autoproduzione da fonti rinnovabili al fine di stimolare lo sviluppo di un nuovo sistema energetico e portare vantaggi diretti alle famiglie”.

È il solare fotovoltaicola tecnologia più diffusa in termini numerici, con il 97,9% degli impianti, seguiti dall’eolico con l’1,9% e da impianti idroelettrici e alimentati da biomasse. La potenza efficiente netta degli impianti a fonti rinnovabili installati si attesta a 5.389 MW rappresentando circa il 43% della potenza netta disponibile nella Regione. Tra questa, è il fotovoltaico la tecnologia con maggior potenza installata pari a 2.622,7 MW (48,7%), seguito da eolico con 2.433,3 MW (45,2%) e dagli impianti a bioenergie 329,7 MW (6,1%).

“La Puglia con i suoi quasi 44mila impianti da fonti rinnovabili diffusi in tutti i Comuni che producono 9.940 GWh/anno di energia pulita, contribuisce a traghettare il nostro Paese verso la decarbonizzazione - commenta Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – In Puglia la crescita delle rinnovabili negli ultimi anni è stata inesorabile sia per potenza installata che per la produzione di energia. Ora è importante puntare sulla autoproduzione, sulla riqualificazione del patrimonio edilizio pubblico e privato, oltre all’avvio di serie politiche di mobilità sostenibile in grado di far attraversare la Puglia in treno, in bicicletta ma anche attraverso l’ausilio della mobilità elettrica. In merito all’eolico off shore, invece, nel Golfo di Manfredonia e sul Gargano, auspichiamo procedure trasparenti e regole chiare per l’approvazione dei progetti da fonti rinnovabili e chiediamo al Governo un tavolo di confronto con Regione e territori per individuare le aree in cui questa fonte di energia possa svilupparsi in linea con gli obiettivi di tutela del paesaggio costiero. Oggi le buone pratiche di Comuni e aziende agricole che premiamo a bordo del Treno Verde dimostrano che puntare su un modello energetico sostenibile è la scelta vincente”.

 

Gli esempi virtuosi non mancano: a bordo del Treno Verde nella tappa pugliese Legambiente ha premiato “I RinnovABILI”, ovvero realtà che hanno scommesso su nuovi modelli energetici attraverso rinnovabili, efficienza e che fanno a meno di petrolio, gas e carbone.


È il caso di Acquedotto Pugliese: la particolare morfologia del territorio servito, la limitata disponibilità idrica ad uso potabile presente nella Regione Puglia, con la conseguente necessità di trasportare la risorsa idrica dalle regioni limitrofe e a distanze considerevoli e la numerosità degli impianti di depurazione rendono Acquedotto Pugliese una delle imprese italiane maggiormente energivore con un consumo annuo medio pari a circa 550 milioni di kWh. Per far fronte a tale necessità, Acquedotto Pugliese ha proseguito l’impegno di un uso razionale delle risorse energetiche attraverso l’ottimizzazione dei consumi nelle varie fasi del sistema idrico integrato e la produzione di energia da fonti rinnovabili. Il beneficio ambientale di tale attività è stimabile nella riduzione di circa 31.500 tCO2 emessa in atmosfera.

C’è poi l’azienda Agro-Zootecnica Torre di Neglie si estende su una superficie ricadente in contrada Torre di Neglie in agro di Corato e compresa nel territorio del Parco Nazionale dell'Alta Murgia. I terreni sono coltivati a mandorlo e colture erbacee. Il bestiame attualmente allevato in azienda ed indirizzato alla sola produzione di carne, è costituito da ovini, bovini, asini e cavalli. La superficie coperta, costituita da fabbricati rurali al servizio dell'azienda ammonta a circa 4200 mq. Nel 2009 si è proceduto a bonificare circa 1.500 mq di copertura rimuovendo e smaltendo lastre in amianto. Su tale superficie è stato realizzato un impianto fotovoltaico. Tutte le colture e l'allevamento sono condotti, con continuità e senza interruzioni, e con il metodo dell’agricoltura biologica dal 1993.

Nel Comune di Peschici (Fg), invece, sono stati effettuati interventi per la produzione di energia da fonti rinnovabili attraverso la fornitura e posa in opera di un impianto fotovoltaici. Oltre a ciò, sono stati effettuati interventi di manutenzione straordinaria, di adeguamento ed efficientamento energetico.

Notevole anche l’esempio dell’Ala Est dell’aeroporto di Bari, messa in esercizio a febbraio 2015, è parte del Master Plan che prevede l’ampliamento della struttura anche sul lato ovest. Aeroporti di Puglia, ha voluto dare un’impronta verde all’intervento, indirizzando il progetto verso un’architettura eco-compatibile, integrando nella progettazione soluzioni per la produzione di energia pulita. I pannelli fotovoltaici sono stati integrati nella facciata sud e sulla copertura dell'edificio dove le ampie e lunghe vetrate garantiscono l’ingresso della luce naturale comportando un significativo risparmio in termini di consumi energetici oltre a favorire un elevato isolamento termico. Tutto l’impianto d’illuminazione si avvale di tecnologia LED.

Il programma completo del Treno Verde a Foggia

 

Martedì 27 febbraio

Ore 16 Apertura al pubblico del Treno Verde con visite a bordo

Mercoledì 28 febbraio

Dalle ore 8.30 alle 14 A scuola di energia: le classi salgono a bordo del Treno Verde

Ore 11.00 Conferenza stampa di presentazione dei dati della campagna di Legambiente Civico 5.0 e le proposte per migliorare l’efficienza in edilizia

Saranno presenti: Katiuscia Eroe, responsabile energia Legambiente, Francesco Tarantini, presidente Legambiente Puglia, Barbara Valenzano, direttore Dipartimento mobilità, qualità urbana, opere pubbliche, ecologia e paesaggio della Regione Puglia, Annj Ramundo, Ance Foggia e Antonio Stragapede, Centro di Fisica Edile.

Ufficio stampa Treno Verde:

Elisabetta Di Zanni, tel. 347664568, Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Il Treno Verde è una campagna di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane , con la partecipazione del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare

 

 

Partner principali

Ecopneus , AzzeroCO2

Partner sostenitore

Assocarta

Partner

E.ON , Montello

Partner tecnici

eTa Green , Ecoplus , 100% Campania , Kemcomm - Philips , Accademia delle Arti e Nuove Tecnologie

Partner didattici

Museo A come Ambiente Torino

Media Partner

La Nuova Ecologia , Rinnovabili.it , Tuttogreen La Stampa

 

 

Grazie ad AzzeroCO2, Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiane compensano le emissioni di CO2 del tragitto del Treno Verde

Il Treno Verde è aperto dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 14 per le scuole prenotate e dalle 16 alle 19 per tutti i visitatori. Di domenica il Treno è aperto dalle 10 alle 13.


 

Alcuni momenti della presentazione

Treno Verde 2018 a Foggia Treno Verde 2018 a Foggia Treno Verde 2018 a Foggia Treno Verde 2018 a Foggia Treno Verde 2018 a Foggia Treno Verde 2018 a Foggia