Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Stop alle trivelle nello Ionio per salvaguardare turismo di qualità e pesca sostenibile

on .

La dissennata corsa all’oro nero che compromette ambiente ed economia costiera. Legambiente: “Fermare la deriva petrolifera con il protagonismo dei territori e abrogare le norme pro trivelle a partire dall’articolo 35 del decreto sviluppo”

 

goletta verde dice di no alle trivelleSono 5mila i chilometri quadrati di fondali del mar Jonio sotto la minaccia delle trivelle. Un tratto di mare che non è stato risparmiato dalla nuova dissennata corsa all’oro nero, ripartita grazie agli atti normativi degli ultimi due anni che annullano i vincoli per la tutela delle aree marine di pregio e per le coste approvati dopo il disastro causato nel Golfo del Messico dall’incidente della piattaforma della BP.

Oggi nel mar Ionio sono attive 10 richieste per la ricerca di petrolio per un totale di 5.041,23 kmq. Di queste, 8 sono in corso di Valutazione di Impatto Ambientale per un totale di 4.046,93 kmq.Una è in fase di rigetto (si tratta della richiesta della NorthernPetroleum, che riguarda oltre 700kmq al largo di Cirò Marina) e una è in fase decisoria, ovvero ha finito il suo iter ed è in attesa dei decreti autorizzativi (si tratta della richiesta di Apennine Energy per un’area di 63 kmq a ridosso della costa tra le Marine di Sibari e Schiavonea). 

Chilometri di fondali che, se sommati a quelli richiesti in tutt’Italia, restituiscono una fotografia agghiacciante: sono, infatti, decine di migliaia i kmq di aree marine oggetto di richieste delle compagnie petrolifere per le loro attività di ricerca o di coltivazione dei giacimenti concentrate nello Jonio, nell’Adriatico centro meridionale e nel Canale di Sicilia. Progetti che se approvati aggiungerebbero decine di nuove trivelle alle 10 piattaforme che già oggi estraggono petrolio dai mari italiani. Una scelta scellerata di politica energetica, che non trova giustificazioni valide neanche dal punto di vista economico, viste le ridicole quantità di petrolio in gioco, e che rischia di compromettere per sempre il futuro delle popolazioni coinvolte da possibili incidenti che metterebbero in pericolo ambiente, turismo, pesca e salute.

È per questo che da Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente che da vent’otto anni è in prima linea a difesa del mare e delle coste italiane, arriva un appello a Governo e Parlamento affinché non solo vengano riviste le scellerate scelte politiche in materia energetica praticate dall’ex ministro dello sviluppo economico Corrado Passera - abrogando in primis le norme pro trivelle a partire dall’articolo 35 del decreto sviluppo approvato dal Governo Monti - ma soprattutto venga ridata voce e possibilità di scelta ai territori e alle popolazioni interessate dalle richieste di estrazioni avanzate dalle compagnie petrolifere.

L’Italia è una sorta di paradiso fiscale per i petrolieri che grazie a leggi compiacenti si vedono ridotti a nulla il rischio d’impresa, mettendo però ad alto rischio l’ambiente e l’economia costiera. Vengono cedute migliaia di kmq di mare alle società petrolifere, in nome di una presunta indipendenza energetica che durerebbe appena 7 settimane, stando ai consumi attuali e alla stima delle riserve accertate sotto il mare italiane. Di gran lunga migliore sarebbe invece il vantaggio economico, ambientale ed occupazionale che il nostro Paese potrebbe ottenere indirizzando gli investimenti in campo energetico non sui settori tradizionali e sulle fonti fossili ma sull’efficienza e sviluppo delle energie rinnovabili e su una nuova mobilità che riduca i consumi petroliferi del nostro Paese. 

La moltiplicazione delle estrazioni petrolifere off-shore aumenterebbe ancora di più il rischio di inquinamento da idrocarburi del mare italiano. Ogni anno verso le coste italiane viaggiano via nave ben 178 milioni di tonnellate di petrolio, quasi la metà di tutto il greggio che arriva in direzione dei porti del Mediterraneo, crocevia delle petroliere di tutto il mondo. Il nostro Paese poi, attraverso 12 raffinerie, 14 grandi porti petroliferi e 10 piattaforme di estrazione off-shore, movimenta complessivamente oltre 343 milioni di tonnellate di prodotti petroliferi all’anno, a cui vanno aggiunte le quantità di petrolio e affini stoccati in 482 depositi collocati vicino al mare. Purtroppo negli ultimi mesi sono stati diversi i fenomeni di spiaggiamento o di sversamento in mare di prodotti petroliferi, alle isole Egadi, a Gela, solo per citarne alcuni e l’ultimo proprio in questi giorni dalla raffineria dell’ENI di Taranto. 

«Uno sversamento in mare, quest’ultimo, di cui si stanno ancora valutando entità e cause, che evidenzia il pericolo per il mare, l’ambiente e la salute dei cittadini che questi fenomeni possono avere anche nel resto dello Ionio, dove si vorrebbero installare nuove piattaforme estrattive – spiega Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – Purtroppo, negli ultimi anni è ripartita a tutta velocità la corsa all’oro nero anche nel mar Ionio, soprattutto da quando è stato cancellato il divieto di ricerca ed estrazione di petrolio nel Golfo di Taranto, con un colpo di spugna normativo inserito nell’estate 2011 nel decreto di recepimento della direttiva sulla tutela penale dell’ambiente. Senza alcun pudore, si è utilizzato un provvedimento che avrebbe dovuto rafforzare le misure di tutela ambientale contro gli eco criminali per inserire un comma che in realtà ha riaperto alle attività di ricerca, prospezione ed estrazione di idrocarburi in mare tutto il Golfo di Taranto. Un comma assolutamente fuori tema che risponde unicamente agli interessi delle compagnie petrolifere». 

Istanze per permessi di ricerca nel mar Ionio 

Società titolate

Denominazione del procedimento

Zona marina interessata

Fase

Kmq

NorthernPetroleum Ltd

d 59 F.R-.NP

Difronte la costa tra cirò Marina e Isola di Capo Rizzuto

In corso di Valutazione di impatto ambientale

652,6

Eni

d 67 F.R-.AG

Al centro del Golfo tra Trebisacce (Cs), Policoro (Pz) e Manduria (Ta)

In corso di Valutazione di impatto ambientale

449,4

TransunionPetroleum Italia - NauticalPetroleum

d 68 F.R-.TU

Di fronte la costa ionica al confine tra Basilicata e Calabria

In corso di Valutazione di impatto ambientale

622,6

Shell Italia EP

d 73 F.R-.SH

Di fronte la costa tra Roseto Capo Spulico e Trebisacce

In corso di Valutazione di impatto ambientale

730,4

Shell Italia EP

d 74 F.R-.SH

Di fronte la costa tra Trebisacce e Rossano

In corso di Valutazione di impatto ambientale

617,8

NorthernPetroleum Ltd

d 77 F.R-.NP

Di fronte la costa tra Cariati e Cirò Marina

In corso di Rigetto

741,2

Enel Longanesi Developments

d 79 F.R-.EN

Al centro del Mar Ionio tra Rossano (CS) e Gallipoli (Le)

In corso di Valutazione di impatto ambientale

748,7

Apennine Energy

d 150 D.R-.CS

Sottocosta tra Marina di Sibari e Marina di Schiavonea

Fase decisoria

63,13

Petroceltic Italia

d 151 D.R-.EL

Di fronte la costa tra Roseto Capo Spulico e Trebisacce

In corso di Valutazione di impatto ambientale

253,1

Apennine Energy

d 148 D.R-.CS

Di fronte alla costa di Policoro

In corso di Valutazione di impatto ambientale

162,3

Totale Kmq

     

5.041,23

 Fonte: Elaborazione Legambiente su dati del Ministero dello sviluppo Economico(aggiornati a giugno 2013)

 

Goletta Verde è una campagna di Legambiente

Main partner: COOU

Partner tecnici: Corepla, Nau, Novamont, Solbian

Media partner: La Nuova Ecologia, PescaTv - canale Sky 236, Rinnovabili.it 

 

Ufficio stampa Goletta Verde

Luigi Colombo - 347/4126421

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Ufficio stampa Legambiente Puglia

Elisabetta Di Zanni - 347/6645685

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Segui il viaggio di Goletta Verde

sul sito www.legambiente.it/golettaverde

blog golettaverdediariodibordo.blogautore.repubblica.it

e su www.facebook.com/golettaverde