Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Traffico internazionale di rifiuti stroncato al porto di Bari e tombamento illecito nelle campagne del tarantino

on .

Legambiente: «Ottimo il lavoro del Noe di Bari e di Lecce ma la Puglia resta una regione particolarmente a rischio sia per la sua posizione geografica che per le sue caratteristiche geomorfologiche»

ecomafia

«Sono ormai frequenti i casi di sequestro e di provvedimenti delle forze dell’ordine nei confronti degli illeciti ambientali e, nello specifico, del traffico illecito di rifiuti e del tombamento illegale degli stessi. Lo abbiamo ribadito più volte e lo sosteniamo ancora: l’unica soluzione può essere l’introduzione dei delitti contro l’ambiente nel codice penale. Solo a partire da questo momento si può pensare di dare man forte alle forze dell’ordine che, per ovvie ragioni, non riescono - con la sola attività di controllo e di contrasto dei reati ambientali - ad arginare un fenomeno sempre più dilagante perché remunerativo».

Si esprime così Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia, in seguito ai sequestri effettuati sia al porto di Bari dove è stato intercettato e bloccato un carico di rifiuti speciali diretto all’estero sia nelle campagne del tarantino dove i carabinieri del Nucleo operativo di Lecce e del Nucleo investigativo del comando provinciale di Taranto hanno sequestrato un’area in cui sarebbero state tombate ceneri provenienti dalla centrale di Brindisi Federico II.

Sul fronte del ciclo illegale dei rifiuti, secondo il Rapporto Ecomafia 2013, la Puglia si attesta sul terzo gradino del podio, con un significativo aumento degli illeciti (+24%). Infatti, le infrazioni accertate salgono a 522 con 691 persone denunciate, 15 persone arrestate e 344 sequestri effettuati.La maggior parte delle infrazioni accertate si concentrano nella province di Bari (185) e Taranto (104). Ma anche a Lecce (89), Brindisi (82), Foggia (55) e Barletta-Andria-Trani (7) si registrano illeciti.

In Puglia, dal 2002 a maggio 2013, ci sono state ben 42 inchieste contro attività organizzate per il traffico illecito dei rifiuti, cioè il 19,4% circa delle inchieste su tutto il territorio nazionale.

«I traffici internazionali di rifiuti plastici, soprattutto a base di polietilene, sono uno dei tratti più tipici dell’ecomafia globale  ̶  conclude Tarantini  ̶  la Puglia continua a confermarsi la base logistica di traffici internazionali di rifiuti. I fronti caldi sono sempre i grandi porti di Bari, Brindisi e Taranto. Da qui partono i flussi illegali diretti in Europa ma anche, e soprattutto, in Cina, India e Asia. Si tratta di rifiuti costituiti principalmente da materiale plastico di scarto, carta da macero, rottami ferrosi e rifiuti elettrici ed elettronici sottoforma di scarti che prendono le vie illegali e varcano i confini alla volta di quei Paesi scelti strategicamente dalle holding criminali transazionali, dove è alta la richiesta di questi materiali, dove le leggi sono permissive e le promesse di arricchimento alte».


L’ufficio stampa: 347.6645685