Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Goletta dei Laghi in Molise: un convegno per tracciare le linee guida sul lago di Occhito

on .

Legambiente per il rilancio del Lago di Occhito in Molise: “Valorizzare in modo integrato, coordinato e sostenibile le risorse del bacino”
A Macchia Valfortore un convegno per tracciare le linee guida
La terza tappa di Goletta dei Laghi 2015 ha come protagonista un invaso artificiale dall’ecosistema importantissimo, ma ancora non sufficientemente valorizzato. Alle 17 inizierà un incontro di idee per pianificare l’immediato futuro dell’Occhito

Goletta dei Laghi 2015

MACCHIA VALFORTORE (CB), 23 GIUGNO 2015 – Istituzioni, pro loco, rappresentanti dell’accoglienza e della ristorazione molisana, associazioni ambientaliste: oggi pomeriggio l’agriturismo “Horse’s Range” (ore 17) di Macchia Valfortore ospiterà numerosi protagonisti dell’area in cui è inserito l’importante bacino artificiale di Occhito, confine naturale di 10 km tra il Molise e la Puglia. Un convegno il cui titolo (“Il Lago d’Occhito. Risorsa del territorio molisano. Biodiversità e identità territoriale, la via per la sostenibilità e lo sviluppo”) è già sufficientemente evocativo. Il Molise ha tutte le carte in regola per raccogliere la sfida della gestione sostenibile dei siti naturalistici: il lago Occhito si pone certamente come uno degli asset fondamentali di questa strategia. Un invaso per la quasi totalità incluso in un Sito di interesse Comunitario, premiato nel 2011 come “Meraviglia italiana” e prezioso patrimonio di biodiversità. E non solo: la Valle del Fortore, dove si trova il lago Occhito, da ormai 15 anni ospita nuovamente il lupo, già censito in una decina di esemplari .

L’Occhito rappresenta una risorsa imprescindibile per la regione Molise e la regione Puglia– spiega Sebastiano Venneri, responsabile nazionale Innovazione e Territorio – . La sua valorizzazione passa inevitabilmente per una gestione integrata pianificata, con il coinvolgimento di amministrazioni locali e operatori del settore turistico, con lo scopo di fornire alla zona uno strumento in più di rilancio, sempre in nome della sostenibilità”.

Tanti i temi che verranno affrontati durante il convegno, ma soprattutto saranno avanzate una serie di proposte, tutte presenti in un documento realizzato nei mesi scorsi dal circolo Legambiente “Eugenio Cirese”(organizzatore dell’evento di oggi insieme a Legambiente Molise Legambiente Puglia). Promuovere l’offerta di attività turistiche ambientali e culturali sostenibili; promuovere l’occupazione dei residenti attraverso l’affidamento in gestione di strutture pubbliche già esistenti e da completare; fornire servizi più sostenibili agli amanti dello sport all’aria aperta (arrampicata sportiva, percorsi ciclo-ippo-pedonali, trekking, equitazione, canottaggio e pesca). In poche parole, valorizzare in modo integrato, coordinato e sostenibile le risorse ambientali, culturali e turistiche legate all’ecosistema del lago.

C’è poi da sottolineare la necessità, in tempi brevi, di operare un cambio di passo in materia di trasporti. Pur raggiungendo un buon livello di gestione integrata del lago di Occhito, questo rimarrebbe un presidio isolato, qualora continuassero le estreme difficoltà di collegamento tra i maggiori capoluoghi di prossimità (Roma, Napoli, Bari) e i capoluoghi molisani. La mancanza di rete ferroviaria elettrificata rende il raggiungimento della regione troppo difficoltoso. Si richiede, infine, l’inizio di opere di manutenzione della viabilità adiacente al lago,  così da aggiungere un ulteriore strumento per la fruizione del sito naturalistico ed evitare, al contempo, temibili progetti di consumo del suolo.

Ci troviamo in una zona di grande rilevanza naturalistica – dichiara Giuseppe Faioli di Legambiente Molise– dove la biodiversità è un valore da tutelare con ogni mezzo. In quest’ottica, ci auguriamo che le istituzioni locali accolgano le proposte di Legambiente e delle tante realtà che operano sul territorio, andando a intervenire su quella che finora è stata una scarsa o inesistente gestione integrata e sostenibile del lago di Occhito”.

Valerio Valeri
Addetto stampa Goletta di Laghi 2015
3491999393
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.