Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Attentato intimidatorio al Comandante del Corpo forestale del Parco Nazionale del Gargano

on .

Solidarietà dalla Legambiente Puglia: «Il CTA del Parco va potenziato per il lavoro difficile svolto nell'area protetta, minacciata da sporchi interessi malavitosi»

corpo forestale

Lo scorso giovedì 30 gennaio un attentato intimidatorio ha colpito l'abitazione del Comandante Antonio Villani del Nucleo di San Marco in Lamis del CTA Corpo forestale del Parco Nazionale del Gargano. Fortunatamente lui e la sua famiglia erano fuori casa e non hanno subito danni diretti. Il Comandante Villani è stato più volte intimato per il suo impegno professionale e la passione con cui da sempre contrasta, insieme ai suoi colleghi, i reati ambientali: tagli illegali dei boschi, abusi edilizi, bracconaggio.

«Legambiente esprime piena solidarietà nei confronti del Comandante e della sua famiglia, degli agenti del Corpo forestale –commenta Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – Il CTA del Parco Nazionale del Gargano va potenziato per il lavoro difficile svolto nell'area protetta, minacciata da sporchi interessi malavitosi. La nostra associazione continuerà a sensibilizzare le popolazioni del Parco ad una maggiore cultura ambientale. Noi continueremo il nostro impegno di controllo, vigilanza e denuncia. In questo modo vogliamo contribuire ad aiutare nel suo lavoro il Comandante Antonio Villani, egli non è solo e non sarà mai solo».

L’avvertimento conferma l’ottimo lavoro che il Corpo forestale dello Stato sta compiendo in tutta la Puglia sul fronte dei reati ambientali e, in particolare, nel Parco Nazionale del Gargano sul fronte  del taglio illegale dei boschi e dell’abusivismo edilizio.

Nel Rapporto Ecomafia 2013, nella classifica dell’illegalità nel ciclo del cemento, la provincia di Foggia  si piazza all’11° posto con 160 infrazioni accertate. In particolare, nel 2012, il Gargano ha rappresentato la porzione di territorio pugliese su cui si sono accanite maggiormente le lottizzazioni abusive.

L’ufficio stampa: 347.6645685