Puglia Eternit Free - Campagna di informazione sul rischio amianto | Numero verde: 800 131 026 | CLICCA QUI PER ADERIRE AL CENSIMENTO GRATUITO
Toggle Bar

Giornata Mondiale delle Zone Umide 2018

on .

Giornata Mondiale delle Zone Umide

Da Lesina, passando per Margherita di Savoia, sino a Leverano: tra escursioni, birdwatching, visite guidate ed educazione ambientale, ecco gli eventi per il 2 febbraio

 

Il 2 febbraio torna la Giornata mondiale delle zone umide, ricorrenza del giorno in cui, nel 1971, è stata firmata la Convenzione di Ramsar: un accordo internazionale che, da allora, ha permesso di identificare le più importanti aree umide del mondo.

In Puglia, Legambiente, insieme con i circoli locali, ha organizzato attività escursionistiche, avvistamenti avifaunistici, visite guidate, attività di educazione ambientale e di valorizzazione del sistema naturale e di biodiversità del territorio, per far scoprire e ricchezze naturalistiche, come la Riserva Naturale dello Stato della Salina di Margherita di Savoia o le Vore di Leverano.

Le zone umide, ambienti fondamentali per gli equilibri della vita, sono dei serbatoi di biodiversità e accolgono una infinità varietà di specie animali e vegetali. Garantiscono abbondanti risorse di acqua e cibo e lo stoccaggio del carbonio. Il focus dell'edizione 2018 della Giornata “Le zone umide aiutano a far fronte agli eventi meteorologici estremi” sottolinea, tra le tante, un'altra fondamentale funzione di questi ambienti: contrastare gli effetti degli eventi metereologici estremi. Le zone umide hanno, infatti, la capacità di assorbire acqua e proteggere i territori dalle piene. Non ultimo, sono luoghi di grande bellezza, l'ideale per gli appassionati di escursionismo e birdwatching.

Eppure sono tra gli ecosistemi più a rischio del pianeta. La pressione antropica e il riscaldamento globale, infatti, ne mettono sempre più in pericolo gli equilibri delicati e complessi e, nell’ultimo secolo, oltre il 64% delle zone umide sono scomparse.

“Anche quest’anno – spiega Francesco Tarantini, presidente di Legambiente Puglia – celebriamo la Giornata Mondiale delle Zone Umide con l’intento di valorizzare splendidi ecosistemi purtroppo sempre più a rischio. S tagni, paludi, torbiere, bacini naturali e artificiali permanenti, spesso trascurati, non solo custodiscono numerose specie di avifauna da salvaguardare ma sono anche fo ndamentali per contrastare gli effetti dei cambiamenti climatici. Le zone umide, infatti, hanno la capacità di assorbire acqua e proteggere i territori dalle piene e rappresentano un patrimonio naturalistico enorme che abbiamo il dovere di tutelare e di far conoscere a quanti ignorano la loro vitale importanza”.

 

 

Iniziative in Puglia

 

Lesina (Fg) - Sede Centro Visite - 2 febbraio 2018

Appuntamento ore 9 in via Banchina Vollaro – Lungo Lago Lesina . Visita alla riserva, escursione e workshop sul valore aggiunto delle zone umide per il territorio e la loro conservazione con il Direttore CNR ISMAR Sede di Lesina, dott. Raffaele D’Adamo.

Programma:

  • h 9.00 accoglienza degli studenti dell’Istituto Comprensivo Lesina e Poggio Imperiale, dei ragazzi del Centro Polivalente per Diversamente Abili “l’Ancora” di Lesina e dei partecipanti che aderiranno presso il centro visite del Parco Nazionale del Gargano di Lesina;
  • h. 9.30 partenza per la Riserva Naturale di Popolamento Animale Statale del Lago di Lesina parte Orientale;
  • h 13.30 rientro a Lesina.

Maruggio (Ta) – Biblioteca Comunale - 3 febbraio 2018

Appuntamento ore 10.00 presso i locali della Biblioteca – via Umberto I, 64 . Incontro didattico per bambini dai 6 ai 10 anni.

L’incontro didattico con i bambini ha come scopo principale, stimolare in loro la conoscenza e l’importanza degli habitat ambientali costituiti dalle zone umide. Sono previsti tre momenti importanti e formativi: si inizierà spiegando loro semplici nozioni ambientali riguardanti le zone umide, a seguire la proiezione di documentari naturalistici tematici e, infine, un laboratorio didattico-creativo che coinvolgerà in un lavoro di gruppo tutti i bambini partecipanti all’incontro.

L’evento è organizzato la circolo Legambiente di Maruggio in collaborazione con i volontari del Servizio Civile Comunale e la Mediterraneo Società Cooperativa Sociale Onlus.

Info: 340.3104202

 

Margherita di Savoia (Bt) – Riserva Naturale dello Stato Salina di Margherita di Savoia - 4 febbraio 2018

Appuntamento ore 9.00 presso Centro Visite – Sede Legambiente – via Africa Orientale, 50 . Visite guidate, educazione ambientale, avvistamenti avifaunistici, percorsi didattici.

Programma:

  • h 9.30 spostamento ed accoglienza presso Caserma Nucleo Carabinieri per la Biodiversità – Margherita di Savoia;
  • h 9.45 raggiungimento area Foce Aloisa – Alma Dannata – Riserva Naturale della Salina di Margherita di Savoia per attività escursionistica, birdwatching e spiegazioni sull’importanza della biodiversità della Salina di Margherita di Savoia con il personale del Nucleo Carabinieri per la Biodiversità e i rappresentanti del circolo Legambiente di Margherita di Savoia (a seconda del numero di partecipanti, se necessario, apertura anche della zona del Canale Carmosino);
  • h 12.00 rientro presso il Centro Visite e percorso didattico sull’importanza delle Zone Umide e della biodiversità per le nostre città e territori.

La zona umida della Salina di Margherita di Savoia, circa 4000 ettari, è la salina marittima più grande d’Italia e occupa gran parte dell’area che, fino ai primi decenni del secolo, formava il lago Salpi, un bacino costiero di acque salmastre e paludose che dava il nome all’antica Salarpa. Questa area diviene poi Riserva Naturale dello Stato e quindi Zona umida di valore internazionale ai sensi della convenzione di Ramsar del 1971, in ragione della notevole importanza faunistica. Si tratta di un microcosmo di acquitrini costellati da macchie di tamerici e di ciuffi di giunchi che al visitatore di oggi restituisce intatto il fascino primordiale del mondo palustre. Nelle vasche di acqua salmastra della riserva naturale delle Saline di Margherita, separate dal mare soltanto da sottili lingue di terra, sono incastonate bianche piramidi di cristalli di sale la cui durezza viene compensata dalla vista di morbide dune sabbiose invase qua e là da ciuffi di canna comune. È qui che numerosi uccelli migratori soggiornano periodicamente per riprodursi o svernare. Secondo un recente censimento fatto dalle guardie forestali del Ministro delle Risorse Agricole, sarebbero 7500 gli individui di fischione; 3200 di volpoca; 1100 di alzavola; 5000 di folaga; 2500 di avocetta. Armandosi di binocoli o macchine fotografiche, si possono ammirare anche gli eleganti aironi bianchi o fenicotteri rosa, insieme ai bellissimi rapaci (come il falco e il gheppio) e a tanti altri uccelli acquatici.

Prenotazione obbligatoria: telefono 0883.657519 oppure 328.964013; email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Leverano (Le) – 18 febbraio 2018

Appuntamento ore 8.00 al Mercato dei Fiori - Strada Provinciale 19- via Ancona . Percorso trekking alla scoperta delle zone umide e delle Vore di Leverano:

  • 1^ tappa: Vora della Sintina o Donna Porzia o Madonna della Consolazione
  • 2^ tappa: Patula Cupa
  • 3^ tappa: Vora Quartararu, area mercatale, via per Porto Cesareo
  • 4^ tappa: Vora delle Arche (strada vicinale Madonna di Leuca agli Archi) via per Nardò.

Info: 333.4345592 o Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Manduria (Ta) – 24 e 25 febbraio 2018

Appuntamento ore 17.00 Chiesetta S. Croce – Via Sant’Antonio ang. Viale Scegnu. Incontro di educazione ambientale (sabato) ed escursione (domenica) alla Salina dei Monaci (ritrovo alle ore 11 ai piedi della omonima torre).

Oggetto dell’incontro è la descrizione delle zone umide, prendendo come esempio la Salina dei Monaci, sita nel territorio del comune di Manduria (Ta), ricadente nelle Riserve Orientate del Litorale Tarantino Orientale. Sarà descritta l’importanza delle zone umide, il lavoro di monitoraggio di una colonia di fenicotteri e sarà illustrata la flora tipica di questo virtuoso habitat. Verrà posto l’accento su quelle che sono le buone pratiche per conoscere e rispettare le delicate zone umide, indicando le possibili criticità.

Info: Patrizio Fontana, cell. 340.3770709, email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.